Roma, (askanews) - E' terminato il restauro del Battistero di Firenze. Dopo un anno e nove mesi di lavori e a settanta anni dall'ultimo interventotorna a risplendere, per la gioia dei turisti e dei fiorentini uno dei capolavori della città e del nostro patrimonio artistico.I lavori di restauro hanno interessato il rivestimento marmoreo delle otto facciate esterne, delle falde di copertura e della lanterna del Battistero, un intervento conservativo per eliminare gli strati d'incrostazioni e i depositi di sostanze inquinanti, oltre a consolidare e ridefinire gli elementi in marmo che si sono rovinati con il tempo.Il sindaco di Firenze, Dario Nardella:"Il bel san Giovanni, come lo ha descritto Dante, è uno dei monumenti più belli, amati e sentiti come propri dai fiorentini, quindi come sindaco voglio condividere questa gioia con tutti loro".Il restauro, diretto dall'Opera di Santa Maria del Fiore, è costato 2 milioni di euro, finanziati dall'Opera stessa e in parte da risorse raccolte con la campagna di crowdfunding a cui hanno risposto migliaia di cittadini.Franco Lucchesi, presidente dell'Opera di Santa Maria del Fiore:"E' il monumento forse più amato da parte dei fiorentini, anche perché molti di loro sono passati da qui al momento del battesimo, quindi essere riusciti a coinvolgere la base dei fiorentini per noi va al di là della somma, che pure è rilevante, perché copre oltre il 10% dell'intero investimento".