Roma, (askanews) - Piotta pubblica il suo ottavo album in studio, dal titolo "Nemici", 15 tracce (13 nella versione digitale) tra rap, rock e reggae che segnano una nuova tappa nel percorso musicale del rapper romano, all'anagrafe Tommaso Zanello. Si tratta di "Nemici" in un senso positivo del termine, e quindi idoli come i Clash, Frank Zappa o i Public Enemy."Nemici nel tentare di essere qualcosa che non c'era prima e che comunque non segue le regole imposte dal mercato, che non vanno sul sicuro, diciamo se la rischiano".Io sono il primo nemico, forse sono anche più nemico di altri perché io arrivo sempre molto pacato, fermo, educato, cerco sempre di usare i termini giusti con molto rispetto di tutti, però mi piace dire quello che penso"E il Piotta, ragazzo tanto educato quanto ironico, alla faccia del "Super Cafone" che l'ha lanciato nel 1999, di cose nel suo nuovo album ne denuncia tante, come la pratica dell'omologazione in "Logo" o la violenza contro le donne in "Barbara". Ma è in "7 Vizi Capitale", il cui video è stato girato al Maam (Museo dell'altro e dell'altrove di Metropoliz a Roma) che Tommaso tira fuori il suo amore per Roma nonostante gli scandali e le difficoltà:"Vivendo io la realtà quotidiana di Roma, frequentando quello che è il quotidiano, dal supermercato al bar al locale, sarebbe stupido far finta di niente: invece mi piace raccontare quello che è il mio tempo, come credo che la musica debba fare".In maniera anche disincantata, cinica, scura, anche se comunque in fondo in fondo, anche emotivamente gli accordi usati un filo di speranza e rivincita, lontana, però si intravede, con degli amici di Muro del Canto, un gruppo di Roma che mi piace tantissimo.Tommaso, che ha rinunciato a un bel gruzzoletto rifiutando la partecipazione al reality l'"Isola dei Famosi", ironizza sulla facilità di successo dei talent - non a caso la grafica di "Nemici" rimanda volutamente alla trasmissione di Maria de Filippi e il disco lo dedica a gruppi emergenti come i Kutso o lo Stato sociale: "Lo dedico a tutti gli artisti al di là del genere musicale che appunto riescono a farcela o quanto meno ci provano e con le proprie forza e la forza dell'idea e della musica senza appunto tutti questi carrozzoni".