Regista danese mette a nudo il labile confine tra bene e male