Roma, (askanews) - Dopo 40 anni, la voce di Ted Neeley è ancora strabiliante, come se da quel 1973 non fosse cambiato nulla. È lui lo storico volto di Gesù in Jesus Christ Superstar, la versione rock degli ultimi sette giorni di vita del Nazareno. L'opera torna a Roma, al Sistina, fino al 31 gennaio. Un'avventura che l'attore americano racconta così:"E' assolutamente l'esperienza più meravigliosa della mia vita. Quando abbiamo cominciato non avevo idea che avremmo continuato per così tanto tempo. E avere l'opportunità, in questa fase della mia vita, di poter ancora collaborare con la gente, con questa fantastica opera rock, è assolutamente straordinario, e non potrei essere più grato".Cosa è cambiato in questi quarant'anni? "Ogni volta che ho avuto la possibilità di affrontare di nuovo il personaggio in una nuova produzione, avrei voluto avere più tempo per fare ricerca sul personaggio, sul background, non solo di Gesù, ma anche sugli apostoli, Ponzio Pilato, Erode, Maria Maddalena, Giuda, e ogni volta mi fa credere di più e capire di più di che cosa si tratta. La gente che viene a vederlo, porta così tanta emozione e spiritualità con sé in teatro e la trasmettono sul palco, è un circolo fantastico di energia spirituale... mi sembra di sollevarmi da terra!".Il musical firmato da Massimo Romeo Piparo torna a scaldare i cuori del pubblico romano. L'attore americano si dice onorato di poter recitare ancora una volta nella Capitale:"E' stupendo essere qui a Roma, in qualsiasi momento è meraviglioso. E' un'esperienza unica, e avere in più Papa Francesco che sta facendo quel che sta facendo, non potrebbe esserci niente di meglio".Lo scorso anno Ted Neeley ha incontrato Papa Francesco. Un pontefice che descrive così:"E' mio fratello! Ho sentito così tanto calore con lui. E' stata un'esperienza fantastica. Vorrei potermi sedere e parlare con lui 24 ore e chiedergli 'cosa pensi di questo, e cosa pensi di quello'. E' un uomo fantastico. E' quello di cui avevamo bisogno, quel tipo di personalità, quel tipo di persona meravigliosamente spirituale, che ci dà l'esempio di come essere nella vita".