Roma, (askanews) - Uno spettacolo in cima al Vesuvio. Dopo il successo dello scorso anno, anche la 20esima edizione del Pomigliano Jazz in Campania ha scelto di organizzare alcuni dei suoi concerti sul cratere del famoso vulcano.Assistere all'evento è stata anche l'occasione per un piccolo trekking. Il pubblico infatti, a cui è stato dato appuntamento nel piazzale di Ercolano a quota 1.000 metri, ha poi risalito a piedi il Gran Cono, accompagnato da guide vulcanologiche, fino ad arrivare sull'orlo del cratere.E a 1.300 metri, con una vista speciale, è andato in scena un inedito live al tramonto, con Maria Pia De Vito, nota cantante e compositrice partenopea, accompagnata dalla lirica tromba di Enrico Rava e dalla chitarra di Roberto Taufic, nato in Honduras, cresciuto in Brasile ma attualmente residente in Italia.Un concerto suggestivo, con classici della tradizione napoletana e brasiliana, riletti dal trio, e con influenze della musica afroamericana. Tra i brani in scaletta anche "Lazzari Felici" di Pino Daniele. Il Pomigliano Jazz, tra concerti, itinerari enogastronomici e turistici, mostre e performance artistiche, andrà avanti in diverse location fino al 13 settembre.