Kigali (askanews) - Fan in delirio per Stromae in Ruanda. Il rapper belga di origini ruandesi ha chiuso la sua tournee africana nel paese di origine del padre, vittima del genocidio del 1994. Una tappa dolorosa ma necessaria quella a Kigali, davanti a decine di migliaia di spettatori letteralmente impazziti dalla gioia."Siamo fieri, ha parlato anche in Kinyarwanda. Conosce delle parole della nostra lingua", dice entusiasta un fan. "Ci piacciono le parole che dice. Non sono indirizzate a un pubblico particolare ma a chiunque. Scrive per tutti" dice una ragazza. "Siamo venuti dal Burundi per lui", racconta un'altra.Con il suo repertorio, che ha compreso in scaletta anche il brano "papaoutai", in francese "dove sei papà", dedicato proprio al padre ruandese, Stromae ha conquistato tutti. E in qualche modo si è riscattato dal forfait di giugno, quando cancellò la tournée in Ruanda per motivi di salute. Questa volta i tanti fan che ha nel suo Paese d'origine hanno potuto ascoltare, ballare e applaudire il loro idolo.(immagini Afp)