Roma (TMNews) - Le due icone della boxe cinematografica, Sylvester Stallone e Robert De Niro, tornano insieme sul ring e se le danno di santa ragione. Succede nel film "Il grande match", che i due attori hanno presentato a Roma insieme al regista Peter Segal. Interpretano due vecchi pugili rivali che si ritrovano sul ring dopo 30 anni per la sfida decisiva, e i rimandi a Rocky e a "Toro scatenato" sono inevitabili. Il regista ha spiegato: "Non abbiamo fatto una parodia, abbiamo creato una storia orginale, ma sapevamo quale sarebbe stato il sottotesto. Sapevamo che avrebbe creato molta curiosità: era come un incontro da sogno tra icone del cinema".Il film non sarebbe stato possibile senza De Niro e Stallone."Appena ho letto la sceneggiatura ho capito che c'erano solo due persone che avrebbero potuto fare il film, che avevano più di 60 anni e che potevano rendere la boxe credibile".Gli attori hanno perso molto peso e si sono allenati duramente per questa prova, e hanno dato vari consigli al regista"Per le immagini di boxe Sylvester mi ha aiutato molto, perché nella storia del cinema nessuno ha fatto più scene del genere. Per gli allenamenti è stato abbastanza complicato: ho girato quelle di Sly a Los Angeles e quelle di De Niro a New York, poi siamo andati a New Orleans e li abbiamo messi sullo stesso ring: eravamo molto nervosi, ma dopo un paio di giorni tutto è andato a meraviglia".