Parigi (askanews) - Solo "un gros malentendu". Secondo quanto riportato dal quotidiano "Le Monde" che pubblica le trascrizioni del suo interrogatorio del 5 novembre scorso davanti al giudice istruttore, Karim Benzema ha liquidato come un malinteso grossolano la vicenda del presunto ricatto nei confronti del suo compagno di nazionale Mathieu Valbuena.L'attaccante del Real Madrid, secondo l'accusa, avrebbe fatto da intermediario tra un gruppo di estorsori e Valbuena per evitare la diffusione in rete di un video hard. E in un intervista in onda nel telegiornale più seguito in Francia, Benzema ha voluto chiedere scusa a Valbuena ma solo per i toni aggressivi impiegati per convincere il centrocampista del Lione a incontrare gli estorsori, continuando a negare di essere stato a conoscenza delle loro intenzioni criminali.Nei giorni scorsi Valbuena aveva parlato a Le Monde accusando Benzema di averlo spinto a pagare. Circostanza che Benzema nega, sostenendo di aver voluto aiutare l'amico a risolvere un problema senza essere in alcun modo parte della cospirazione ai suoi danni.La Federcalcio francese si è costituita parte civile nel processo e al momento i due attaccanti non sono stati convocati da Didier Deschamps, il selezionatore della nazionale francese di calcio.(Immagini Afp)