Milano (askanews) - Sei grandi chef ci mettono la faccia e finiscono sulle bottiglie della storica birra Moretti al posto del Baffo per una edizione limitata, che renderà omaggio al presente e al futuro della grande cucina italiana. Davide Oldani, Claudio Sadler, Viviana Varese, Antonino Cannavacciuolo e le giovani promesse Davide del Ducae Christian Milone, hanno ideato una serie di ricette a base di birra perchè la bionda non è solo da bere come spiega Oldani."Rispetto a quando ho iniziato a cucinare che era quasi sconosciuta nelle cucina adesso la birra può dare quel tocco di amaro, frizzante e diverso che altri ingredienti non hanno, quindi nell'armonia totale di un menù la birra ci sta molto bene".Ha inventato il Birramisù ed è uno degli chef più apprezzati al mondo, Claudio Sadler è vero pioniere della cucina con la birra grazie a una semplice intuizione."Una bevanda con meno alcol poteva permettermi di fare degli abbinamenti per un menù molto lungo, quindi abbiamo capito che si poteva tranquillamente utilizzare la birra e fare qualcosa che permettesse anche di bere quel bicchiere in più".Il binomio birra e cibo, oggi, non è più una sorpresa, e neppure quello di birra e donna, parola di Viviana Varese."La birra è sicuramente molto più femminile del vino perchè è più leggera, fresca e meno alcolica e quindi sarà sicuramente sempre più usata da donne".Christian Milone già vincitore del Premio Birra Moretti Grand Cru, ha sposato a pieno l'idea del valore della qualità accessibile."La birra è per tutti, la birra è un prodotto molto democratico, nel costo, nella capibilità e anche nelle varie sfumature di gusto".La birra dunque è sempre più presente nei ristoranti e anche nella cucina di tutti i giorni con abbinamenti che regalano sensazioni inaspettate. E in fondo la birra a tavola è una questione di etichetta.