Roma, (askanews) - Benvenuti al Chandigarh rock garden, nel nord dell'India. Ogni giorno migliaia di turisti vengono a vedere le centinaia di sculture fantastiche create in segreto da un autodidatta, Nek Chand. Fate e demoni, scimmie, divinità e anche persone, tra cui queste ragazze fatte con braccialetti di recupero. "Nessuno ha saputo niente per 18 anni. Qui c'era una giungla, chi sarebbe voluto venirci e per cosa? Non c'erano neanche strade per arrivare", ha spiegato lo scultore, ex ispettore delle strade, che ha creato il suo giardino in una foresta territorio dello Stato. Ha usato le pietre raccolte sulla sua bici dalle colline fuori città e altri pezzi di ceramica, vetro e materiali di recupero, tra cui prese elettriche e telai di biciclette, tirando fuori la bellezza da ciò che per altri era spazzatura. "Non ho mai programmato niente. Non ho mai costruito pensando che un giorno la gente sarebbe venuta a visitare le mie creazioni. L'ho fatto per hobby", ha aggiunto.Il suo segreto fu scoperto nel 1976, quando le autorità minacciarono di demolire tutto, ma l'opinione pubblica difese Nek Chand lui diventò responsabile del rock-garden, che attualmente si estende per 20 ettari. Jasmine Paul, turista canadese: "La prima cosa che ho detto a mio padre quando sono venuta qui è che questo posto mi ricorda Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato, mi dà quella sensazione. E' un posto molto nascosto e mi piace".Nek Chand è morto quest'anno a 90 anni ma le sue sculture restano una delle principali attrazioni turistiche della zona e molte sono finite nei musei di tutto il mondo.(immagini Afp)