Roma, (askanews) - Per la prima volta in Italia, oltre cento opere della collezione Cavallini-Sgarbi saranno esposte a Palazzo Campana, nella mostra "Tiziano, Lotto, Artemisia: le stanze segrete di Vittorio Sgarbi", promossa dalla Regione Marche, dal Comune di Osimo, dalla Fondazione Don Carlo e dall'Istituto Campana."Di ogni artista è importante avere delle opere, belle e ben conservate. Il collezionista autentico non compra un nome, non compra un'opera perchè deve avere in casa Picasso o Raffaello, non l'avrà mai. Credo che una collezione fatta badando non ai nomi ma alla qualità dei quadri confermi la teoria di Longhi sul genio degli anonimi".Muovendosi tra le centinaia di opere riunite in trent'anni di intensa attività, si rimane sorpresi dall'eterogeneità dell'insieme. Palazzo Campana, sede della mostra che sarà inaugurata a marzo, è emblema della storia di Osimo: "Sotto il Palazzo c'è una straordinaria macchina di meraviglie che sono delle immagini scolpite nel tufo che si rovinano e stanno sparendo e raccontano di allegorie, è una grotta di meraviglie".