Orvieto, (askanews) - Il razzismo è sempre esistito, ma il jazz aiuta a combatterlo. Così il grande sassofonista americano Joe Lovano, ha commentato le tensioni razziali negli Stati Uniti, a margine dell'Umbria Jazz Winter di Orvieto, dove partecipa con un progetto dedicato al 50esimo anniversario di "A Love Supreme" di John Coltrane."In tutto il mondo è un tema che va affrontato su basi personali con ognuno. Dobbiamo imparare ad abbracciare tutte le culture, imparare l'uno dall'altro e condividere l'umanità insieme - ha dichiarato a margine di un suo concerto alla Sala dei 400 a Orvieto. "E questo è il motivo per cui la musica è così importante: il jazz è una musica multiculturale , è sempre stato un mix di popoli e culture provenienti da tutto il mondo. Il razzismo è qualcosa che è sempre esistito nel mondo e continuerà in modi diversi ma dobbiamo pregare e sperare affinché le cose migliorino. Abbracciarci l'uno con l'altro è una cosa molto importante".