Roma, (askanews) - "Intanto un amico, molto caro, che ieri ho pianto, poi certamente è l'ultimo dei grandi del nostro cinema che perdiamo. Adesso siamo rimasti con tutti giovani che hanno una strada davanti, ma una personalità con il grande passato di Ettore non l'abbiamo più".Così il decano dei critici cinematografici italiani, Gian Luigi Rondi, ha ricordato Ettore Scola, arrivando alla camera ardente alla Casa del Cinema di Roma.