Ferrara (TMNews) - La violenza sulle donne è un tema che, in Italia e in tutto il mondo, purtroppo resta d attualità anche nel XXI secolo. Dall India alle nostre province, ogni giorno arrivano notizie di nuovi episodi. Ne abbiamo parlato con Rebecca Solnit, scrittrice e attivista statunitense, intervenuta al festival di Internazionale a Ferrara."Statisticamente - ci ha detto - le cose stanno andando meglio negli Stati Uniti, ma al tempo stesso vediamo aumentare i casi denunciati dai media. Molte delle violenze restano invisibili, perché le donne hanno troppa vergogna di denunciare. E un momento molto strano, con alcuni episodi davvero terribili, ma al tempo stesso la società sta prendendo consapevolezza del problema".Il completamento definitivo del processo di emancipazione femminile resta però ancora distante, ma nel complesso è una battaglia di lungo periodo."Il femminismo - ha aggiunto Rebecca Solnit - tenta di cambiare 400 o 500 anni di organizzazione sociale e siamo riusciti a fare molto in 30 o 40 anni. Ma in altri Paesi il processo è più difficile e ci sono diverse regole sociali".La scrittrice cita casi limite, come quello dei Taliban, ma complessivamente il messaggio che arriva da Ferrara è quello, quantomeno di un ottimismo della volontà. "Non è possible riportare l orologio della storia agli anni Cinquanta del Novecento o dell Ottocento - ha concluso - le donne non lo permetterebbero".