Amman, (askanews) - In una regione che brucia la Giordania non intende rinunciare al suo ruolo storico di attore per la stabilità e la pace. Utilizzando, in primis, la risorsa Turismo. Lo ribadisce ad Amman la stessa regina Rania, incontrando i media internazionali.: "Come vedete la nostra regione è ultimamente presente nei titoli principali, ma per le ragioni sbagliate - afferma Rania di Giordania - e probabilmente questa regione non è in questa fase al top delle destinazioni turistiche. Ma quello che riguarda i paesi nostri vicini non riguarda la Giordania".Fondamentale dunque per Rania il sostegno finalizzato alla ripresa dei flussi turistici, soprattutto da quei paesi che la regina di Giordania considera più vicini per patrimonio artistico e storico e per cultura del turismo. A cominciare dall'Italia, come la regina conferma direttamente ai microfoni di askanews:"Amo l'Italia e gli italiani - dice Rania - e spero che sempre più italiani tornino in Giordania . Il turismo quindi come risorsa anche per agire attivamente in questa area? Sì - conclude Rania - ma anche la vicinanza culturale, come quella che c'è tra Giordania e Italia. Gli italiani quando vengono in Giordania tornano a casa sempre con belle esperienze ".