Milano (askanews) - Arte e tecnologia per le quattro monumentali sculture firmate dall'architetto Daniel Libeskind che sono state installate in Piazza Italia nel sito di Expo 2015. Il progetto, sostenuto da Siemens e da Enel, mira a diventare un tramite per comunicare la tecnologia attraverso la bellezza. Ogni scultura, alta 10 metri e pesante 14 tonnellate, è composta da tre eliche sinuose in alluminio che si intrecciano e si sviluppano a spirale verso l'esterno come i rami di un albero.Le grandi opere produrranno dei suoni e un flusso costante di immagini e forme pulsanti che si richiamano ai trend tecnologici del futuro, dalla fabbrica digitale all'energia sostenibile fino alle infrastrutture intelligenti. Migliaia di LED sono incastonati sulla facciata di due sculture, mentre le altre due emetteranno gli effetti sonori."Queste opere - ha spiegato Daniel Libeskind - sono il frutto della mia attrazione per l'intersezione di natura e tecnologia. Volevo inoltre arricchire l'esperienza del visitatore e animare lo spazio pubblico realizzando queste grandi ali meccaniche che si librano come marcatori direzionali sulla piazza principale di Expo" .