Milano, (askanews) - Ogni vendemmia ha il suo carattere perché ogni vendemmia è diversa da quella che l'ha preceduta e da quella che seguirà. Lo sanno bene alla tenuta dell'Ornellaia dove dal 2009 ogni annata, a partire da quella del 2006, ha il suo aggettivo, un tratto che più di altri caratterizza il vino e che un artista, ogni volta diverso, è chiamato a interpretare. Quest'anno l'Ornellaia 2013 celebra l'eleganza e a rappresentarne il carattere è stato il giapponese Yutaka Sone che ha scelto i marmi di Carrara come luogo simbolo di questo tema. L'amministratore delegato dell'Ornellaia, Giovanni Geddes da Filicaja"La vendemmia è fatta non solo dal terreno e dalle persone ma essenzialmente dal tempo. Per cui ciascuna vendemmia nei grandi vini è sempre differente".Ma cosa si intende quando si parla di un vino elegante? Lo abbiamo chiesto al winemaker dell'Ornellaia, Alex Heinz:"Ci sembra che sia una versione particolarmente complessa e raffinata dell'Ornellaia che comunque deve portarsi sempre dietro questi valori però è vero che molto spesso si esprime il lato un po' più generoso mediterraneo e nel clima un po' più fresco del 2013 abbiamo un vino molto armonioso molto bilanciato che ci ha portato a dare un nome importante perchè l'eleganza è uno dei concetti più forti nei grandi vini".Tutto questo Yutaka Sone lo ha tradotto in fotografie e litografie che lo ritraggono in un pic-nic con amici tra le cave di marmo di Carrara. Lo stesso marmo che ha utilizzato per realizzare un cestino per la bottiglia da 9 litri."Carrara è il luogo scelto da Michelangelo e poi è a pochi minuti dall'Ornellaia e le stesse persone dell'Ornellaia me lo hanno suggerito. Io poi ho sempre lavorato il marmo e adoro Michelangelo per cui ho detto andiamo, e da lì è nato tutto questo".Il 19 maggio 9 lotti di vino dell'Ornellaia tra cui 9 delle bottiglie speciali di Yutaka Sone saranno battute in un'asta benefica di Sotheby's il cui ricavato andrà all'Hammer Museum di Los Angeles.