Genova (askanews) - Quando il riciclo diventa arte. A Genova un gruppo di giovani architetti ha dato nuova vita a dei comuni tubi di plastica, trasformandoli in un vero e proprio strumento musicale a disposizione di cittadini e turisti nella centralissima piazza Matteotti, all'ingresso del polo museale di Palazzo Ducale. L'installazione, denominata "Flip Flop Organ", è stata disegnata e realizzata da MaDG Studio, uno studio internazionale di architettura con sede proprio nel capoluogo ligure, nell'ambito del progetto "Reuse - azioni per il riciclo creativo della plastica". Margherita Del Grosso è la fondatrice e direttrice di MaDG Studio"Abbiamo fatto una ricerca su cosa possa essere un'installazione in un luogo pubblico: il concetto della piazza come luogo di incontro e confronto e non solo come luogo di passaggio", ha sottolineato"Flip Flop Organ" è uno strumento musicale collettivo progettato in relazione alle frequenze sonore della scala pentatonica: il suono viene prodotto dalla percussione di flip flop, le classiche ciabatte da mare, sulle estremità dei tubi. Elemento portante dell'installazione è una griglia metallica leggera che scompare progressivamente fino a divenire semplice contorno ideale.A sperimentare per primi questo particolare organo, i musicisti Olmo Manzano e Marco Fossati, protagonisti del progetto "Ritmiciclando" nato come laboratorio per la costruzione e l'utilizzo di strumenti musicali con materiali di recupero.