Roma, (askanews) - Sono 59 i libri partecipanti alla IV edizione del Premio Letterario "Leggi in salute - Angelo Zanibelli", primo riconoscimento letterario sui temi della salute, istituito da Sanofi nel 2013 in memoria del direttore comunicazione e relazioni istituzionali Angelo Zanibelli e nato per promuovere e sostenere la narrazione sulla salute come strumento di cura nel percorso della malattia.

I libri iscritti sono stati suddivisi in due categorie, scrittori senior ed esordienti under 35, e le tematiche trattate spaziano dall'autismo al cancro, dall'anoressia alla depressione.

La giuria, presieduta da Gianni letta, decreterà il vincitore il 4 ottobre. "Quest'anno sono rimasto sorpreso dalla qualità dei partecipanti, non solo nomi noti, ma mediamente la qualità è aumentata, segno evidente che questo tipo di racconto e narrativa si è fatta strada e forse questo Premio ha concorso a rendere più severa la selezione".

Fulvia Filippini, direttore affari istituzionali Sanofi Italia. "Andiamo da temi come l'anoressia, le dipendenze, la ludopatia. Un mondo al di là delle aree terapeutiche, dal diabete all'oncologia. Una grandissima varietà".

Don Andrea Manto è direttore del Centro per la pastorale sanitaria del Vicariato. "Dove c'è narrazione c'è più possibilità, da un lato di relazione, dall'altro la possibilità di trovare senso anche a un'esperienza drammatica come quella della malattia".