Firenze (askanews) - Al mondo esistono non più di 200 bronzi di età ellenistica: ora un quarto di loro si trova riunito al Palazzo Strozzi di Firenze in una mostra senza precedenti per l'Italia che permette di ripercorrere gli sviluppi artistici del bacino del Mediterraneo tra il quarto e il primo secolo avanti Cristo.Il museologo James Bradburne, ex presidente della Fondazione Strozzi"Il filo conduttore della mostra è la fragilità della scultura, l'importanza dei bronzi come pezzo fondamentale del Rinascimento tutta la cultura occidentale è nata in questo perido".La mostra "Potere e Pathos" vede riuniti alcuni tra i maggiori capolavori del mondo antico provenienti dai più importanti musei archeologici italiani e internazionali come il British Museum di Londra, il Metropolitan Museum of Art di New York, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, e il Louvre di Parigi. Rimarrà aperta fino al 21 giugno.