Roma, (askanews) - La Settimana Internazionale della critica, sezione indipendente della Mostra di Venezia, dal 2 al 12 settembre, avrà come ospite d'onore l'attore e regista scozzese Peter Mullan che riceverà il premio speciale nell'anno in cui si festeggia la 30esima edizione. Un riconoscimento, votato dal Sindacato nazionale critici cinematografici, che hanno voluto premiare la miglior opera prima presentata in questi trent'anni di storia della sezione.Tra i tanti esordi, hanno scelto "Orphans", il film di Mullan presentato nel 1998. Attore Palma d'oro in quello stesso anno per "My Name Is Joe" di Ken Loach, il neo-regista che nella sua carriera ha vinto poi il Leone d'oro per "Magdalene" sorprese il pubblico e la critica con un gioco al massacro venato di humour nero, una crudele cronaca familiare su quattro fratelli adulti riuniti a Glasgow per piangere la morte della madre. A oltre quindici anni dalla sua uscita, il 3 settembre il film sarà presentato di nuovo a Venezia come Evento Speciale d'apertura della Settimana della Critica e Mullan lo accompagnerà e incontrerà il pubblico.Nato nel '59 a Glasgow, partito dal teatro, è passato poi al cinema e alla tv, recitando in film come "Riff Raff", "Piccoli omicidi tra amici", "Trainspotting", "Harry Potter e i doni della morte". Come regista ha diretto molti corti e tre lungometraggi: "Magdalene", "Neds" e "Orphans".