Rinvenuta a San Vittore del Lazio da archeologo Dante Sacco