Roma, 4 giu. (askanews) - Su questo documento sono nati, si dice, gli ideali della democrazia occidentale. E' la Magna Carta: l'intesa strappata dai baroni inglesi a re Giovanni Senzaterra compie 800 anni il 15 giugno. Per celebrarla una grande mostra si è aperta alla British Library, la Biblioteca nazionale di Londra che detiene due delle quattro copie esistenti al mondo.Era il 1215 quando i baroni in rivolta contro le tasse imposte dalla Corona ottennero da re Giovanni questa carta, che fra molte altre cose stabiliva un principio cruciale: nessun uomo libero può essere imprigionato senza un giusto processo."La Magna Carta", spiega Claire Breary, a capo dei manoscritti medievali della British Library, "è importante anche oggi perché per la prima volta stabilì le regole dell'esercizio del potere, e in tutti i secoli seguenti è diventata un simbolo di libertà e diritti, è nota in tutto il mondo come il testo che difende da qualunque tirannia".Re Giovanni certo non pensava che quel testo strappatogli a forza sarebbe diventanto tanto importante e che avrebbe avuto tanto impatto simbolico sulla storia, dalla dichiarazione di indipendenza su cui nacquero gli Stati Uniti, alle lotte delle suffragette, di Gandhi, di Nelson Mandela che si rifecero a questo illustre precedente storico.