Oslo, (TMNews) - L'angoscia, la vita, la morte e la passione di Edvard Munch raccontate in oltre 270 opere fra dipinti e disegni che svelano il percorso estetico e interiore del grande artista norvegese.La retrospettiva "Munch 150" ad Oslo rende omaggio al pittore dell'Urlo a 150 anni dalla sua nascita con un'esposizione divisa in due: i dipinti giovanili esposti alla Galleria Nazionale e le opere della maturità al Museo Munch."E' uno degli artisti principali della storia dell'arte ed è evidentemente il più grande artista norvegese - spiega la curatrice May Britt Guleng - Ma io penso che probabilmente è più conosciuto all'estero che nel nostro Paese".La retrospettiva diventa una sorta di risarcimento per l'artista pioniere dell'espressionismo celebrato non a sufficienza dallo Stato a cui donò tutte le sue opere e che ancora aspettano un museo più adatto ad accogliere i visitatori in arrivo da tutto il mondo per vederle. Dopo anni di polemiche e discussioni, spesso più politiche che artistiche, il nuovo museo Munch dovrebbe vedere la luce nel 2018.(Immagini Afp)