Torino, (TMNews) - Torna dal 19 al 25 aprile il Glbt Film Festival di Torino, dedicato alle tematiche omosessuali, un'edizione a rischio fino all'ultimo a causa dei tagli al budget ha spiegato il direttore del festival Giovanni Minerba. "In pochi mesi abbiamo messo su un bel programma". La 28ma edizione si apre dunque all'insegna dell'ottimismo, con la giornata inaugurale affidato al successo americano "Any Day Now", un racconto sull'amore, l'accettazione delle diversità, la famiglia. Storia poetica di un teenager down, che viene abbandonato dalla sua famiglia e accolto da una coppia gay. "Un film ambientato negli anni 70 ma che parla di oggi". Un tema quello dei diritti su cui quest'anno si focalizza il festival che per la prima volta pare anche ai libri. Quattro le presentazioni, con una novel graphic, omaggio al fondatore del festival, Ottavio Mai, scomparso una decina di anni fa.