Milano (askanews) - Dopo quasi sessant'anni trascorsi nel Museo d'Arte Antica, la Pietà Rondanini cambia casa, ma rimane all'interno del Castello Sforzesco di Milano. La nuova collocazione è il cinquecentesco Ospedale Spagnolo, dove l'architetto Michele De Lucchi ha realizzato un allestimento essenziale, che rispetta la sacralità dell'opera e induce alla meditazione: "E' un luogo effettivamente adatto, per la sua grandezza e per il suo senso, la sofferenza che evoca, essendo questo un ospedale dove certamente sono morte molte persone".Il nuovo allestimento ribalta completamente la visione finora consueta dell'opera. Il percorso prevede infatti che i visitatori vedano la scultura prima di spalle. "Questa statua è famosa vista da davanti, nella maniera più convenzionale, ma vista da dietro, soprattutto vista da lontano, appare in tutta la sua forza trascinante, la sua forza espressiva, e trasmette tutto il tormento che aveva quell'uomo quando ha scolpito, negli ultimi giorni della sua vita, quest'opera così straordinaria".Il nuovo museo dedicato all'opera di Michelangelo aprirà con una festa il 2 maggio che sarà anche l'inaugurazione del programma di eventi destinato a animare la vita culturale milanese per tutto il semestre dell'Expo 2015.