Alla Biennale rivive la performance di Fabio Mauri del 1973