Parigi (askanews) - I volti delle vittime degli attentati di Charlie Hebdo rivivono sui muri di Parigi. Il progetto è dello street artist Christain Guémy, nome d'arte C-215. Conosciuto per i suoi lavori che riproducono gatti o senzatetto, ha deciso di dedicare una serie di graffiti alle vittime dell'attentato."Far durare il ricordo di Charlie Hebdo, penso che sia la cosa migliore da fare un anno dopo, con gli avvenimenti e i drammi che si succedono, un attentato dietro l'altro", spiega. Fra gli altri, l'artista ha riprodotto alcuni redattori del giornale satririco, il direttore Charb, il vignettista Cabu. Un murales è dedicato al poliziotto Ahmed Merabet, morto nel tentativo di fermare i fratelli Kouachi prima che entrassero nella redazione di Charlie."Je suis Ahmed", è la scritta che campeggia sull'opera preparata nel laboratorio dove l'artista realizza i suoi stencil, da ormai dieci anni. Il prossimo progetto sarà dedicato al genocidio in Ruanda e vedrà protagonisti ritratti di hutu che salvarono persona di etnia tutsi durante la guerra civile. Altri eroi, proprio come Ahmed.