Roma, (askanews) - L'autorevole settimanale tedesco Die Zeit l'ha definita una "voce che ha una storia da raccontare": Natalia Mateo, 31enne cantante di origini polacche ma residente da tempo in Germania, si è esibita al Jazzahead Festival a Brema, dove ha presentato il suo nuovo lavoro "Heart of Darkness", suo primo disco con la prestigiosa etichetta Act.Natalia Mateo è una girovaga, nella vita reale, come nel suo mondo musicale e passa con disinvoltura da una ballad della tradizione slava al jazz o alla musica pop-rock contemporanea. Emozionante ascoltarla nella sua lingua madre: "Da una parte è come un viaggio sentimentale verso le mie radici e dall'altra il polacco ha suoni e pronunce differenti, qualità fonetiche e mi diverto molto a giocarci con la voce".Non manca l'amore per il rock, come in questo "Chocolate Jesus" di Tom Waits...