Intervista al curatore dell'esposizione Giuseppe Luigi Marini