Mosca (TMNews) - Mosca celebra i giochi Olimpici invernali di Sochi 2014 con una particolare mostra sulla Russia alle Olimpiadi nel museo piu chic della città, il MaMM di Olga Sviblova, regina della bohème moscovita.Una serie di scatti ironici e divertenti, ma anche tormentati e sofferti. Come quello di Anato'ly Gara'nin impegnato a fermare il lancio del giavellotto di Alexandra Ciu'dina. Oppure il sorriso enigmatico di Misha, la mascotte delle Olimpiadi di Mosca 1980, boicottate dagli Stati Uniti per la Guerra in Afghanistan."Dalla metà anni '30, quando subentrano il realismo socialista e le sue regole ferree - spiega l'organizzatrice della mostra - lo sport diventa un territorio di libertà, dove l'uomo con il suo corpo può raggiungere quello che in genere sembra impossibile. Era terribilmente interessante mostrare quello che i nostri fotografi hanno saputo fare. A cominciare da Lev Borodulyn che subito dopo la guerra prende il testimone da Rodchenko in questa staffetta dal liberty e ancora ai tempi dell'Urss, in un Paese chiuso, vince tutti i premi internazionali, possibili e impossibili".Tra gli ospiti all'inaugurazione della mostra anche il l'italiano Luigi Maramotti, presidente della casa di moda Max Mara e, soprattutto, figlio del compianto Achille, fondatore del gruppo nonché uno dei più entusiasti collezionisti d'arte moderna del nostro Paese.