Milano (askanews) - Momenti di tensione intorno alle 18 in via Buonarruoti a Milano quando alcuni agenti posizionati alla coda del corteo dei No Expo hanno fermato una ragazza, presumibilmente una manifestante, cercando di accompagnarla verso un'auto per accompagnarla in Questura. La giovane, nonostante le manette ai polsi, ha cercato più volte di divincolarsi attirando l'attenzione di molti giovani che alla spicciolata seguivano la manifestazione e di alcuni fotografi e giornalisti. Presa per le braccia dai polziotti, la giovane si è sdraiata per terra chiedendo agli agenti di spiegarle perché veniva portata via e piano piano intorno a lei si è formato un capannello sempre più numeroso di persone che chiedevano di lasciarla andare.Per qualche minuto tre agenti sono rimasti da soli attorno allaragazza con una folla sempre più nervosa che gli si stringeva attorno gridandogli insulti, fino a quando sono intervenuti una trentina di carabinieri in tenuta antisommossa seguiti da alcuni blindati che hanno allontanato la folla, consentendo alla polizia di portare via la manifestante, raggiunta nel frattempo da un avvocato del "Legal Team Europa". L'ultimo gesto contro le forze dell'ordine, riuscite nel loro intento, è stato quello di un giovane che ha mostrato le terga davanti allo schieramento di carabinieri anti sommossa.