Milano (TMNews) - Una libreria di nuova generazione, che guarda al digitale e alle dinamiche social: è Open, il progetto culturale e imprenditoriale aperto a Milano dal 20 novembre in via Monte Nero. Uno spazio fatto di libri, ma anche di un bar, di ambienti per leggere, studiare, navigare e anche lavorare. Giorgio Fipaldini è l'amministratore delegato di Open."La libreria fino a oggi - ci ha spiegato - è sempre stata un luogo librocentrico. Ecco deve cambiare completamente questo paradigma".L'obiettivo è quello di mettere al centro le persone e di puntare decisamente sull'integrazione con il digitale, come spiega Simone Proserpio, direttore della libreria."Open nasce come primo progetto in Italia di libreria che integra perfettamente il cartaceo al digitale"."Oggi la gente - ha aggiunto Fipaldini - non legge meno di qualche anno fa, va meno in libreria, ma non legge di meno. E allora ecco che bisogna ragionare su come sta leggendo la gente, in che modi e in che luoghi".Così negli spazi di Open è possibile anche mangiare, sul grande tavolo comune, oppure scegliere tra le offerte hi-tech, come quella dei tablet che offrono gratuitamente app e contenuti selezionati."Le persone che vengono qui - conclude il direttore Proserpio - normalmente si siedono, studiano, oppure usano i nostri tablet, per navigare e fare tutto sommato quello che vogliono".E a chi si chiede se in Italia per investire in una libreria oggi si debba essere un po' pazzi, Giorgio Fipaldini risponde con i primi risultati di Open.