Firenze (TMNews) - In tempo di crisi, la riscoperta degli antichi mestieri può essere una via per la ripresa. Ne sono convinti insegnanti e studenti dell'accademia Riaci di Firenze, che ogni anno forma calzolai, orafi, maestri pellai e vetrai. Laboratori e botteghe artigiane nel Rinascimento furono il motore economico e intellettuale della città, ed hanno reso Firenze la vera capitale artistica d Italia. Ed è per questo che dal 1983, il Maestro Raymond Riaci ha aperto una scuola di arti e mestieri per insegnare a studenti di tutto il mondo le sue tecniche e per tramandare ai giovani artisti lo spirito del Rinascimento. Nel corso per calzolai c'è un solo italiano."Mi rende un po' speciale, spero di portare aventi questo mestiere nonostante le grandi difficoltà che incontra un artigiano oggigiorno qui in Italia".Per mancanza di apprendisti molti artigiani fiorentini sono stati costretti a chiudere bottega come spiega la professoressa Luciana Lucarelli. "Noi italiani ci meravigliamo che gli stranieri conoscano molto bene le nostre tradizioni, quando invece i nostri ragazzi non le valutano sufficientemente come sbocco professionale".Gli studenti arrivano a pagare fino a 13 mila euro per frequentare i corsi biennali e diventare custodi della tradizione e del gusto italiani.(immagini AFP)