Milano (askanews) - Enrico Bartolini è ambassador di Expo per il cluster frutta e legumi. Ma prima ancora è uno chef stellato che concepisce e realizza i suoi piatti con una cura e una attenzione agli equilibri tra i sapori quasi maniacale. "Come ruolo di ambasciatore di Expo sono fiero di poter raccontare la ricchezza italiana degli ingredienti che da cuoco cerco di trasformare in maniera contemporanea ma anche classica".Con i suoi piatti misurati e ricercati, di cui ha dato un assaggio in occasione della presentazione del cluster alla Cascina Cuccagna di Milano, Bartolini sembra lontano anni luce da un tema urgente come quello di Expo, nutrire il Pianeta, ma non è così: "Il Pianeta si nutre prima di tutto di cultura. Seminando cultura e buone abitudini si riesce a nutrire il Pianeta, perchè si rispettano tutte le forme di ristorazione e allevamento: uccidere un animale è un gesto molto forte e bisogna valorizzare al massimo questa sostanza nutritiva che c è stata donata e sacrificata".Bartolini oltre ad essere un sostenitore convinto di Expo, è anche ottimista sulla riuscita dell'evento: "Expo è una opportunità enorme per farci conoscere nel mondo, in ogni parte del mondo sanno che c'è Expo e tutti mi hanno detto verrò a giugno per Expo. Ormai è certo che verranno milioni di persone e noi ancora non lo abbiamo capito".