Roma, (askanews) - Una male assortita compagnia di teatro in scena con un'orribile commedia sull'invasione tedesca del '43. L'assenza di pubblico, quindi di incassi, non consente di estinguere le rate di un'ipoteca accesa per l'allestimento e un ufficiale giudiziario inizia a pignorare costumi, luci ed effetti. A distanza di 14 anni, Lillo e Greg ripescano una commedia di Greg, la smantellano, la scompongono e la assemblano di nuovo, ribattezzandola "Marchette in trincea". I due comici sono in scena al Brancaccio dal 23 febbraio al primo aprile.Greg spiega cosa deve aspettarsi il pubblico: "Il pubblico che ci conosce si aspetta dai nostri spettacoli di vedere dei giochi sul linguaggio, del metateatro, di uscire e entrare in teatro e di divertirsi in maniera naturale, originale e senza mai cadere nel volgare e senza riferimenti alla politica, proprio divertimento sano e trasversale: il nostro tipo di umorismo piace a estrazioni sociali e politiche differenti".Da parte sua Lillo dice: "Divertimento e coinvolgimento: questi personaggi sono particolarmente empatici perchè vivono le problematiche che si vivono oggi. Oltre a divertirsi ci si riconosce in questa commedia".