Parigi (askanews) - Una ragazza madre misteriosa e sensuale alla scoperta della comunità kabyle: è il nuovo volto al cinema di Laetitia Casta nel film "Des Apaches", in uscita nelle sale francesi il 22 luglio. Una storia ambientata nel quartiere parigino di Belleville, all'interno della comunità originaria dell'Algeria, diretta e interpretata da Nassim Amaouche, già premiato a Cannes con il film "Adieu Gary". Una nuova prova per l'attrice francese alle prese con un ruolo molto intenso."Interpreto una donna che si batte per la propria vita, vive da sola con il figlio. Si percepisce che ha deciso di chiudere una porta, le possibilità dell'amore. Questo fino all'incontro con un uomo che le permetterà di intraprendere un viaggio introspettivo", ha spiegato Casta, che a quasi quindici anni dal debutto al cinema, dopo un esordio come modella, ha collezionato molti ruoli diversi, oltre che un premio César nel 2011 con il film "Je T'aime, Moi non plus"."Secondo me non esistono grandi o piccoli ruoli sul grande schermo - ha sottolineato - esiste l'intensità che si può mettere in un ruolo per raccontare qualcosa. Il mio personaggio, Jeanne, è decisivo nel film, perchè permette al protagonista maschile di aprirsi. Mi è piaciuto molto"."Per me ciò che conta al cinema è il coté artistico. Non c'è ego, non c'è preoccupazione della propria immagine, nient'altro. Tutto questo lo metto da parte per partire da zero quando entro sul set" ha concluso l'attrice.(immagini Afp)