Roma (askanews) - L'Enciclopedia Treccani scende dagli scaffali e sbarca in forze su Internet proponendosi come alternativa a Wikipedia. Nel 90esimo anniversario della fondazione, quello che è il prodotto più autorevole della cultura italiana ha presentato, in una mostra al Vittoriano di Roma, la sua proposta di informazione certificata per il web."L'idea dell'Enciclopedia è collegata ad una produzione cartacea e libraria - ha detto Marco Pizzo, tra i curatori della mostra e direttore del Museo Centrale del Risorgimento - per questi 90 anni la Treccani vuol fare vedere cosa ha fatto sul Web. La Treccani ha un sito che è sinonimo di affidabilità e conoscenza. Per cercare dei termini e delle voci, sul web non esiste solo Wikipedia: le voci della Treccani garantiscono otto passaggi diversi di validazione delle informazioni. Il sito quindi offre informazioni non solo certificate ma anche frutto di conoscenza e di ricerche di diverse competenze professionali. Questa la grande scommessa che Treccani ha voluto fare a 90 anni dalla fondazione".E tornando alle origini, a quel 1925 quando Giovanni Gentile volle raccogliere attorno al progetto di Giovanni Treccani il meglio della cultura italiana per realizzare questo ardito progetto editoriale, i curatori della mostra hanno voluto offrire una parola di definitiva chiarezza sulla presunta anima fascista dell'Enciclopedia. "Purtroppo - ha aggiunto Pizzo - la figura della Treccani è stata ammantata dalla figura del suo fondatore, Giovanni Gentile appunto, e quindi indicata come l'opera del regime fascista. Cosa sbagliata perchè Gentile volle che fosse un luogo di incontro di culture diverse, tanto che tutti i collaboratori della Enciclopedia, che spesso erano antifascisti, venivano sorvegliati dalla polizia del Duce. Anche oggi il sito della Treccani vuole essere il luogo web dell'informazione libera e certificata".