Roma, (askanews) - E' la regista indiana Deepa Mehta a impreziosire, con la sua presenza a Firenze, la quindicesima edizione del "River to River Film Festival", l'unico interamente dedicato al cinema indiano e a film sull'India.Mehta ha preso parte alla prima proiezione italiana del suo "Beeba Boys", un crime- thriller sullo scontro tra bande indo-canadesi in guerra per il controllo e il traffico di droga e armi a Vancouver."Sarebbe un voler negare la complessità degli esseri umani, se gli indiani corrispondessero ai soliti luoghi comuni - ha detto la regista -. Questo non è vero. Gli indiani sono quelli che fanno yoga, Bollywood, ma tra loro non mancano i criminali. Voi italiani del resto avete avuto Michelangelo, ma avete anche la mafia. E così è l'umanità nella sua interezza".La rassegna fiorentina, fino al 10 dicembre al cinema Odeon, ripercorre la storia dell'India passando dalle novità del circuito indipendente, alle ultime produzioni di Bollywood, dai grandi della cinematografia indiana, fino ad approdare alla scena contemporanea della video arte.