Rueil-Malmaison, (askanews) - Ci sono mille misteri attorno a Ta Iset, una piccola mummia egiziana che risale al terzo secolo avanti Cristo e che presto potrà essere ammirata dal pubblico in Francia.Il prezioso reperto ha una storia molto singolare. Nel 2000 alcuni impiegati municipali di Rueil-Malmaison, nella regione Ile-de-France, ricevettero la visita di una donna, che lasciò l'oggetto per poi scomparire nel nulla.Probabilmente la mummia fu portata fuori dall'Egitto nel diciannovesimo secolo da collezionisti occidentali.Gli studiosi hanno scoperto che si tratta del corpo di un bambino alto circa 90 centimetri. Una piuma d'uccello stilizzata e un'iscrizione hanno rivelato il nome di una fanciulla, Ta Iset, dell'età di cinque anni."E' una mummia che in passato ha subito molti interventi di restauro, ma di cattiva qualità, in ogni caso siamo riusciti a riportarla al suo antico splendore. La qualità della mummificazione, così come quella del tessuto, indica che la bambina doveva appartenere alla classe media" spiega Laure Cadot che segue i restauri.Ora manca solo da ripulire il sarcofago e poi Ta Iset sarà esposta nelle sale museali a Rueil-Malmaison. I lavori per il suo restauro sono costati circa 18 mila euro.