Rho, (askanews) - Dimagrire mangiando cose buone. Da questo principio parte la Dieta del Grana Padano, presentata alla Cascina Triulza, il padiglione della società civile di Expo 2015 e dedicata alle persone adulte in sovrappeso o obese di primo grado o in normopeso con obesità addominale, ma anche ipertesi o con il colesterolo alto. Si parte da un dato, sovrappeso e obesità colpiscono il 35% della popolazione adulta mondiale per un programma basato sulle linee guida delle Società scientifiche, disponibile gratis online, personalizzato in base a un set di domande. Questa dieta sfata alcuni pregiudizi legati al formaggio, come spiega Cesare Baldrighi, presidente del consorzio di tutela del Grana Padano: Il Grana Padano ha delle proprietà nutrizionali importantissime molte delle quali sono sottovalutate. Oggi sono stati sfatati due pregiudizi che ci sono in genere sui formaggi: che i formaggi siano forti apportatori di colesterolo, non è vero, che siano tutti apportatori di grassi saturi, che non è vero, o che siano dannosi per chi ha problemi di ipertensione. Tutte queste caratteristiche importanti del formaggio vengono comunicate nel sito, insieme al modo corretto di inserire il formaggio in una dieta settimanale . Il programma unisce alla dieta un percorso di attività fisica e buone pratiche da mantenere a lungo termine, in modo da gestire anche la fase di mantenimento successiva ed evitare l'oscillazione ponderale. L'obiettivo è di riduzione del 10% del peso, la normalizzazione della circonferenza addominale e il miglioramento del benessere percepito, grazie anche a una filosofia di produzione in piena coerenza con i temi di Expo."E' un prodotto che è nato proprio nella Pianura Padana mille anni fa con l obiettivo di sfruttare al meglio tutte le risorse del territorio. Il latte non si poteva conservare da un giorno all'altro la trasformazione in Grana consentiva a una materia delicata e nutriente di fornire gli elementi nutrienti in un lungo periodo . Il sito di riferimento è Educazione Nutrizionale Grana Padano fruibile anche su smartphone, presto ci sarà anche una app dedicata per Ios e Android.