Roma (TMNews) - Una questione di prestigio internazionale: l'orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia sotto la bacchetta di Antonio Pappano si va affermando come interprete non solo del repertorio italiano. Fra estate e autunno in tournée a Salisburgo, a Londra, a Bucarest. Per numero di esecuzioni e incisioni, ha ricordato con orgoglio il presidente Bruno Cagli, ha superato quest'anno i Filarmonici di Berlino. "L'importanza è che finalmente siamo riconosciuti come una delle migliori orchestre del mondo per tutto il repertorio sinfonico. Essere chiamati a Salisburgo a festeggiare il centenario di Britten era una cosa altamente significativa... Al festival di Salisburgo abbiamo festeggiato col War Requiem...poi siamo stati a Londra, poi siamo stati a Bucarest, e adesso abbiamo tournée in tutto il resto del mondo, la prossima in Germania nelle grandi città dove ogni volta che andiamo ci re invitano: Monaco di Baviera, Amburgo eccetera".