Milano, (TMNews) - Scanzonata e impegnata allo stesso tempo: è la musica dei Nobraino, band indie rock nata negli anni '90 a Riccione e cresciuta nel circuito delle etichette indipendenti, che ha il suo punto di forza nei concerti. Il 4 febbraio esce "Bigamionista", album anticipato dal singolo omonimo, che racconta la storia di un camionista bigamo e rappresenta lo stile della band, immutato anche quando affronta temi delicati."L'approccio rimane sempre tendente alla leggerezza, si cerca di sdrammatizzare, un certo tipo di ironia". Si spazia dall'amore alla morte, si parla di droga e speculazione, ma senza voler comunicare un messaggio. "Facciamo coscientemente dell'intrattenimento al meglio delle nostre possibilità. Non c'è questa immodestia di poter comunicare agli esseri umani o chissà quale ideale, c'è più la volontà di creare una suggestione".Dalle autoproduzioni e delle etichette indipendenti i Nobraino sono passati a Warner Music. "Penso sia un buon segno del fatto che l'indie italiano ha creato dei percorsi, anche rispetto ai giovani spero sia stimolante vedere delle parabole sudate ma che vanno da qualche parte".Il 4 febbraio i Nobraino incontrano i fan a Milano, il tour parte il 28 da Trezzo sull'Adda.