Roma (TMNews) - E una commedia sull'amore e sui sentimenti "Ti sposo ma non troppo", nei cinema dal 17 aprile, che Vanessa Incontrada e Gabriele Pignotta hanno presentato negli studi di TMNews. Pignotta, che è regista e interprete del film, ha spiegato: "Devo dire che ci vuole coraggio a fare ancora film sulle coppie e sull'amore perché sembra un argomento trito e ritrito ma in realtà è un argomento inesauribile. Chiunque senti, di qualsiasi livello, dall avvocato all elettrauto, dopo le prime domande, si finisce sempre per parlare d amore, quindi ho capito che è ancora un terreno molto fertile, e la gente ha voglia ancora di esplorarlo. E così è venuta fuori questa commedia che parla d'amore, dell'amore 2.0, l'amore nella sua disarmante semplicità... Perché mi guardi?...Perché volevo sapere se sei d'accordo"."E tutto il ciclo dell'amore raccontato da due storie di due coppie in cui il pubblico si riconoscerà perché sono veramente, siamo, i ragazzi della porta accanto...". "Diciamo che rappresenta tutte le varie emozioni che uno può vivere: il pubblico sono convinta che riderà, in alcuni momenti una lacrimuccia scenderà, in altri momenti si addolcirà, in altri momenti si incavolerà.. Quindi sentiranno tutte quelle emozioni che nella vita reale sentiamo sempre, nel momento in cui ci innamoriamo o ci disinnamoriamo".Il film è una vera commedia sentimentale, con ironia ma anche con uno sguardo sulla realtà: "Quindi un sorriso costante, senza mai essere sopra le righe, raccontando delle storie vere. Noi quattro, io Vanessa e gli altri due comprotagonisti, che sono Fabio Avaro e Chiara Francini, rappresentiamo quattro tipologie di gente comune, quindi la gente si riconoscerà, vedrà se stessa, rivedrà le proprie dinamiche".Incontrada interpreta Andrea, una giovane donna delusa dall amore. "Io la definisco molto naif: è una donna che vive una sua vita, però vive in questo mondo un po tutto suo, è anche un po impacciata alcune volte, è molto credulona, però è una donna anche pane al pane e vino al vino". "Quello che Andrea dà è la speranza, la speranza continua di trovare quello che tutte noi donne vogliamo, che è il principe azzurro Che poi in realtà lo vogliamo ma non lo vogliamo, però Andrea sicuramente lancia un messaggio molto forte, che è l amore perfetto.. Dove possiamo trovare questo amore?".Per Vanessa questo film rappresenta in qualche modo un esperienza nuova: "Io vengo comunque da un mondo comico, però da quando ho iniziato nel cinema, io faccio sempre parti drammatiche. Sicuramente esiste una parte di me drammatica, però non ho mai potuto esprimere anche il mio modo di recitare a livello di commedia. Gabriele questa cosa me l'ha data".Anche sul set il divertimento non è mancato: "C è una scena dove piove e in realtà è finto, l unica cosa è che nella prima scena c era troppa acqua, e sembrava che ci tirassero dei secchi d acqua, quindi siamo usciti: io ero così, avevo tutti i capelli stampati... Non riuscivamo neanche a recitare che ci arrivava un getto d acqua, sembrava di stare sotto un idromassaggio". Visto l'affiatamento Vanessa e Gabriele dopo questa esperienza torneranno a lavorare insieme: "Beh, un nostro progetto futuro è insieme Ne abbiamo uno comune che è quello di fare un altra commedia teatrale insieme, che faremo nella prossima stagione. Siamo molto felici". "Si chiama 'Mi piaci perché sei così' e potrebbe essere anche un seguito di questo Ti sposo ma non troppo, è sullo stesso filo, parla sempre di una coppia che scopre Questa coppia, ormai cinconsumeremo . Ci diventeremo antipatici l un l altra ma per ora ci godiamo anche questa bella sintonia che è nata, perché come mio primo film non potevo veramente desiderare altro.. Perché temevo.. chissà come è la Incontrada, se la tira.. Invece è esattamente così come la vedete, e anche meglio".