Sayreville (askanews) - Non una tradizionale mensa per i poveri, ma un vero e proprio ristorante che apre le porte anche ai meno abbienti. L'idea è della rockstar Jon Bon Jovi e della moglie Dorothea. Insieme hanno aperto un ristorante, Soul Kitchen, a Sayreville, nel New Jersey, con una trentina di posti a tavola e una buona cucina multietnica, in una zona devastata dall'uragano Sandy.L'idea di fondo, per una solidarietà diversa dalla solita associazione del volontariato cattolico, è che tutti hanno diritto a mangiare bene, a prescindere dalle possibilità economiche."Il 15% dei bambini negli Stati Uniti va a letto non avendo mangiato abbastanza e avendo fame, questo non deve succedere, non c'è bisogno di scienziati per capirlo. Abbiamo solo bisogno di gente che abbia voglia di condividere, di usare diversamente il proprio denaro" dice il cantante.Da Soul Kitchen non sono necessarie prenotazioni, chi arriva può sedersi fino a quando ci sono posti liberi, e al momento del conto si paga donando secondo le proprie possibilità."Chiediamo ai clienti che possono pagare, di farsi carico anche del conto di chi non ha soldi" aggiunge Dorothea spiegando che la clientela del ristorante è trasversale, si trovano senzatetto accanto a colletti bianchi e milionari.(immagini AFP)