Le opere di Guido Crepax vanno dietro le sbarre del carcere di San Vittore per un'iniziativa sociale: finanziare la sartoria SanVittore che impiega detenute ed ex detenute.