Milano, (TMNews) - Il rock d'autore, il blues e il folk, sulla scia di Bob Dylan, Neil Young e Bruce Springsteen e dei grandi cantautori italiani, si fonde con la poesia. Massimo Priviero festeggia 25 anni di carriera con l'album "Ali di libertà", il più autobiografico dei suoi dischi, che esce il 24 settembre. "E' arrivato come necessità di guardarsi dentro senza barriere, senza nessun tipo di schermo. È una specie di concept album che riguarda pezzi della mia vita che sono convinto sia quella di molta altra gente".Ha viaggiato per l'Europa come menestrello, ha lavorato per major e etichette indipendenti, è stato prodotto da Steven Van Zandt, leggendario chitarrista e coproduttore dei grandi album di Springsteen: Priviero in carriera ha fatto della parola libertà una bandiera, e il concetto di fondo dell'album. "C'è bisogno di usarla nella scrittura musicale e di difenderla nel momento in cui ti metti con la parte debole del mondo, che più sta ai margini. Noi facciamo un concerto contro la guerra e ci siamo tutti, ma non è quello stare dalla parte degli ultimi: raccontare le loro storie e provare a essere uno di loro è impagabile".Massimo Priviero presenterà "Ali di libertà" in anteprima live il 27 ottobre al Blue Note di Milano, sua città d adozione.