Roma, (TMNews) - Nato al Trullo, quartiere periferico del sud-ovest di Roma, il rapper Debbit, all'anagrafe Emanuele Marzia, ha un volto pulito, da bravo ragazzo, è campione di "freestyle", cioè di improvvisazione rap e ha partecipato al talent "Mtv Spit". Ha 25 anni, per scelta non dice parolacce e per permettersi di fare il cantante, fa il babysitter:"Più che per arrotondare è per vivere, se vogliamo saperla e dirla tutta, sono cresciuto in un contesto periferico, non sono nato al centro insomma, da famiglia operaia, per cui, per usare una parolaccia che piace alla stampa: non sono nato con il culo parato".A scoprirlo è stato il Piotta, che ha deciso di produrgli il suo nuovo Ep, un disco di quattro tracce, intitolato "Fuori controllo", a cui, nel 2015 seguirà un vero disco:"Apparentemente si può pensare che questo titolo sia legato a discorsi di adrenalina/sballo/non so. Invece è soltanto la perdita del controllo di un qualcosa, anche di importante, l'incapacità di mantenere una concentrazione duratura su un progetto, su un lavoro, sulla vita anche"Gli idoli di questo insolito rapper senza tatuaggi?"In cima alla lista delle divinità ci metto il signore Marshall Mathers, in arte Eminem, che è una persona che mi ha indottrinato quasi; per quanto riguarda il contesto italiano, secondo me, su tutti metto Fabri Fibra, perchè personalmente mi ha influenzato moltissimo".Intanto è uscito il video del primo singolo: "Dove sono i soldi?", un pezzo che vuole denunciare le situazioni economiche non facili in cui l'artista, come molti altri giovani italiani, si ritrova a vivere."I soldi si spera di ritrovarli portando appunto all'estremo la tua abilità e il tuo talento perché è l'unica cosa che ho in mano. Dove sono non lo so..."