New York, (TMNews) - Lo spirito anarchico del punk raccontato attraverso il mondo patinato dell'alta moda. Un ossimoro messo in scena dal Metropolitan Museum of Art di New York che dedica una mostra, "Caos to couture", alle influenze dell'iconografia punk sugli stilisti negli ultimi decenni.Ad accogliere i visitatori all'inizio dell'esposizione un bagno con muri in mattone scrostati e pieni di scritte, sanitari vecchi e sporchi: è la replica esatta dei bagni del famoso nightclub di Manhattan CBGB dove debuttarono icone della scena musicale punk come i Ramones.Poi si prosegue lungo sette sale tematiche dove fra spezzoni video di protagonisti dell'era punk come Sid Vicious e le loro note sporche e arrabbiate si sfila ammirando i manichini che indossano le creazioni di stilisti come Vivienne Westwood, Versace, Miuccia Prada, Dolce&Gabbana. Fra parrucche colorate e repliche di gestacci, resi in questo contesto quasi un cliché del disprezzo anti sistema.