Roma, (askanews) - Il leader dei Blur Damon Albarn è tra i super ospiti del Festival Acoustik di Bamako. La capitale maliana cerca una rinascita culturale, nonostante lo stato d'emergenza decretato dopo il sanguinoso attacco all'Hotel Radisson Blue il 20 novembre 2015. "Sono stato molto fortunato ad avere avuto molte occasioni di venire qui. Ho fatto un po' di pressioni, ma sono stato invitato di nuovo per questo evento che è ancora più speciale. E' molto importante per me per la musica e il valore della musica", racconta.Ci sono anche il musicista e attore di Csi Gary Dourdan, il batterista nigeriano Tony Allen, la blues band Songhoy Blues, fuggita da Timbuktu a causa dei fondamentalisti islamici e scoperta da Albarn, e il musicista maliano Cheick Tidiane Seck. Pronti a sperimentare. Il cantante inglese, alla sua decima visita in Mali, aggiunge: "Lavoro a intervalli con diverse persone del posto, in questo senso, è un business come sempre - dice - ho presentato della musica molto inglese, quasi esoterica, con strumenti classici, classici antichi, non moderni, che hanno 600 anni di storia e sono simili agli strumenti di oggi, per sondare l'idea: 'puoi suonare qualcosa di così inglese in questo contesto? Sembra che funzioni e sono stato felice che molti fossero d'accordo con me".(immagini Afp)